Comune di Pomigliano d'Arco (NA)

Procedimento Scia

Comune di Pomigliano d\'Arco
Ricerca assistita Mentre digiti nella casella di ricerca la funzione di completamento automatico ti offre diverse soluzioni di ricerca
Comune di Pomigliano d\'Arco
Procedimento Scia
Immagini

PROCEDIMENTO SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA' (S.C.I.A.)Per semplificare al massimo la predisposizione della domanda relativa alla segnalazione certificata di inizio attività – Scia, si sono individuati i diversi settori di attività delle imprese che rientrano nelle procedure Suap ed i relativi oggetti delle possibili richieste.
L’interessato deve quindi prima scegliere a quale settore appartiene e la sua attività; successivamente deve individuare l’oggetto della domanda da presentare fra quelle proposte, per poter proseguire nella procedura.
Una volta individuato il procedimento da seguire bisogna scaricare la modulistica relativa dall'icona acrobat , compilarla e inviarla tramite PEC a suap.pomiglianodarco@asmepec.it.
Per consultare lo stato della pratica bisogna accedere alla sezione dedicata.


“Nuova disciplina in materia di distribuzione Commerciale”- Legge Regione Campania n. 1 del 9/1/2014.

  • Attività soggette ai controlli di prevenzione incendi di cui al D.P.R. 1° agosto 2011 n. 151: i soggetti tenuti alla presentazione delle istanze concernenti i provvedimenti di prevenzione degli incendi di cui al D.P.R. 1° agosto 2011 n. 151, vi provvedono mediante invio al SUAP con le modalità definite dal Decreto del Ministero dell’Interno 7 agosto 2012, utilizzando la modulistica di cui al seguente link http://www.vigilfuoco.it/aspx/Page.aspx?IdPage=6193
  • DOMANDA DI ADESIONE all’autorizzazione generale alle emissioni in atmosfera ai sensi dell’art.272 del d.lgs. 3 aprile 2006, n. 152” – La domanda deve essere trasmessa alla Regione Campania per il tramite del SUAP comunale

Con la delibera n. 318 del 21/05/2015, pubblicata sul BURC del 01/06/15, la Giunta regionale ha emanato le nuove procedure per la registrazione ed il riconoscimento degli stabilimenti che a qualsiasi titolo ineriscono la sicurezza alimentare e la sanità pubblica veterinaria.
Come stabilito dalla predetta delibera, inoltre, la Giunta Regionale della Campania, Direzione Generale per la Tutela della Salute ed il Coordinamento del Sistema Sanitario Regionale ha approntato:

 

PROCEDURA

Sulla Gazzetta Ufficiale del 30 settembre 2010, n.229, sono stati pubblicati il D.P.R. 7/9/2010, n.160, che reca la nuova disciplina in materia di sportello unico per le attività produttive (SUAP) e il DPR 7/9/2010, n.159, con il quale sono state disciplinate le Agenzie per le imprese. I due regolamenti danno attuazione ai commi 3 e 4 dell'art.38 del D.L. 25 giugno 2008, n.112, rubricato "Impresa in un giorno" e intendono essere funzionali non solo al disegno di semplificazione di assetti procedimentali ed organizzativi, ma anche a quello di promozione e rilancio del sistema produttivo, contribuendo ad alleggerire le fasi connesse alla realizzazione o modificazione dell' attività d'impresa. La pubblicazione dei due regolamenti è una fase importante di un processo complesso che prevede numerosi adempimenti attuativi e complesse attività organizzative da parte di una pluralità di soggetti pubblici e privati, volte a rendere pienamente operative tutte le previsioni della nuova disciplina dal 30 settembre 2011.

Il nuovo percorso telematicoLe domande, le dichiarazioni, le segnalazioni e le comunicazioni concernenti le attività e i relativi elaborati tecnici e allegati sono presentati, esclusivamente in modalità PEC, al SUAP del Comune di Pomigliano d'Arco.
Il SUAP provvede all'inoltro della documentazione alle altre amministrazioni che intervengono nel procedimento, le quali adottano modalità telematiche di ricevimento e di trasmissione.
Il SUAP assicura al richiedente una risposta telematica unica e tempestiva in luogo degli altri uffici comunali e di tutte le amministrazioni pubbliche comunque coinvolte nel procedimento, ivi comprese quelle preposte alla tutela ambientale, paesaggistica, del patrimonio storico-artistico o alla tutela della salute e della pubblica incolumità.

Gli altri uffici comunali e le altre Amministrazioni pubbliche, interessati al procedimento:
non possono trasmettere al richiedente atti autorizzatori, nulla osta, pareri o atti di consenso o diniego;
sono tenute a trasmettere immediatamente al SUAP tutte le denunce, le domande, gli atti e la documentazione ad esse eventualmente presentati, dandone comunicazione al richiedente.


La segnalazione certificata di inizio attività (SCIA):Nei casi in cui le attività rientrino nel campo di applicazione del c.d. "procedimento automatizzato" (articolo 5 del DPR n. 160/2010), la disciplina applicabile è quella concernente la segnalazione certificata di inizio di attività (SCIA), da presentare al SUAP.
La pratica sarà conseguentemente sottoposta al vaglio di regolarità formale dal parte del SUAP. In caso di esito positivo del controllo di regolarità formale, il richiedente può avviare immediatamente l'attività.

Il procedimento autorizzatorio:Per i casi che non rientrano nel procedimento automatizzato, le istanze sono presentate al SUAP che, entro trenta giorni dal ricevimento, salvi i termini più brevi previsti dalla disciplina regionale, può richiedere all'interessato la documentazione integrativa; decorso tale termine l'istanza si intende correttamente presentata.
Verificata la completezza della documentazione, il SUAP adotta il provvedimento conclusivo entro i successivi trenta giorni, salvi i termini più brevi previsti dalla normativa regionale, ovvero indice una conferenza di servizi nel caso in cui sia necessario acquisire intese, nulla osta, concerti o assensi di diverse amministrazioni pubbliche in base a quanto previsto dalla legge 241/1990, ovvero dalle altre normative di settore, anche su istanza del soggetto interessato o dell'Agenzia per le Imprese.
La conferenza di servizi è sempre indetta nel caso in cui i procedimenti necessari per acquisire le intese, nulla osta, concerti o assensi abbiano una durata superiore ai novanta giorni ovvero nei casi previsti dalle discipline regionali.
Scaduto il termine di 60 giorni, ovvero in caso di mancato ricorso alla conferenza di servizi, si applica l'art. 38, comma 3 lett. h) del D.L. n. 112/2008. In sostanza, l'Amministrazione procedente conclude in ogni caso il procedimento prescindendo dal rilascio dei pareri/atti di assenso che non sono stati emanati; in tal caso, salvo il caso di omessa richiesta dell'avviso, il responsabile del procedimento non può essere chiamato a rispondere degli eventuali danni derivanti dalla mancata emissione dei pareri medesimi.

Entrata in vigore:La maggior parte delle disposizioni del regolamento, ed in particolare quelle riferite alle attività soggette alla SCIA, sono entrate in vigore a decorrere dal 29 marzo 2011, mentre la parte riferita al procedimento unico di autorizzazione per le altre attività è entrata in vigore dal 1 ottobre 2011.

Le esclusioni:Sono esclusi dall'ambito di applicazione del regolamento:
 

  • gli impianti e le infrastrutture energetiche;
  • le attività connesse all'impiego di sorgenti di radiazioni ionizzanti e di materie radioattive;
  • gli impianti nucleari e di smaltimento di rifiuti radioattivi;
  • le attività di prospezione, ricerca e coltivazione di idrocarburi;
  • le infrastrutture strategiche e gli insediamenti produttivi di cui agli artt. 161 e ss. (Capo IV) del d.lgs. n. 163/2006.
     

Condividi questo contenuto

- Inizio della pagina -

Il portale del Comune di Pomigliano d’Arco (NA) è progetto realizzato da Internet Soluzioni con la piattaforma ISWEB - Content Management Framework

Responsabile del Procedimento di pubblicazione - Privacy - Note legali - Posta Elettronica Certificata

Il progetto Comune di Pomigliano d'Arco (NA) è sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it